colorimetria
logo
unnamed
associazione futura memoria

facebook
instagram
whatsapp
associazione futura memoria
associazione futura memoria
loghi (2)
loghi (1)

ASSOCIAZIONE FUTURA MEMORIA

PIAZZA F. MATTEUCCI 11 - 50013 

CAMPI B.ZIO (FI)

CODICE FISCALE 94218760489

info@afmemoria.it

viaggi@afmemoria.it

055 0106732

image00007 (2).jpeg

© Copyright 2023 - Associazione Futura Memoria - Tutti i diritti riservati

Iscrizione Atto Dirigenziale n.3433. N° iscrizione 1073. 

 C.F.: 94218760489  PEC: afmemoria@pec.it

afmemoria

Cookie Policy              Privacy Policy

DIDATTICA

I contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

DOVE E QUANTI ERANO I CAMPI?

tw-12

I campi nazisti erano divisi in diverse categorie e secondo uno schema gerarchico: (segue dopo immagine)

 

1200px-ww2-holocaust-europe-2007borders
  • Campi di transito:

Avevano una funzione logistica; i prigiornieri venivano ammassati in questi campi in attesa di essere deportati nei campi di sterminio.

  • Campi di sterminio:

Costruiti esclusivamente per portare a termine lo sterminio di massa e soprattutto "la soluzione finale". I principali campi erano Auschwitz (1.500.000 vittime), Treblinka (900.000 vittime), Belzec ( 400.000 vittime), Sobibor (170.000 vittime), Chelmno (150.000 vittime). 

Molti campi erano non solo di sterminio, ma anche di concentramento e  di lavoro. 

  • Campi di Concentramento:

Campi dedicati alla detenzione dei civili, considerati un pericolo per il Reich, al lavoro forzato e all'eliminazione di piccoli gruppi di prigionieri. I nazisti crearono centinaia di questi campi, i cui principali erano 20; tuttavia considerando i campi e i sottocampi si arriva a svariate migliaia. Il primo e uno dei più famosi fu proprio Dachau, in cui persero la vita 41.500 vite, e ne transitarono 200.000 (secondo il Museo di Dachau). Un grande numero fu assassinato anche a Lublin-Majdanek (100.000 vittime), e Bergen-Belsen (50.000 vittime, tra cui Anna Frank).

  • Campi di Lavoro:

 

 

I prigionieri venivavno sottoposti a lavori usuranti e pesanti; tutto il lavoro veniva trasformato, dai nazisiti, in guadagno economico. Uno dei più famosi è quello di Monowitz (nel quale fu deportato Primo Levi, in cui sarà ambietato Se questo è un uomo).

  • Campi per prigionieri di guerra:

Erano dedicati ai prigionieri di guerra. In Italia, e probabilmente uno con il maggior numero di vittime per questo tipo di campo (20.000), il più tristemente noto era quello di Sparanise.

e2090857-ff94-4d49-babf-1c7c82f2a849.pagespeed.ce.h-cknovc0p