colorimetria
logo
unnamed
associazione futura memoria

facebook
instagram
whatsapp
associazione futura memoria
associazione futura memoria
loghi (2)
loghi (1)

ASSOCIAZIONE FUTURA MEMORIA

PIAZZA F. MATTEUCCI 11 - 50013 

CAMPI B.ZIO (FI)

CODICE FISCALE 94218760489

info@afmemoria.it

viaggi@afmemoria.it

055 0106732

alexander-londono-izzam0b7cqu-unsplash

© Copyright 2023 - Associazione Futura Memoria - Tutti i diritti riservati

Iscrizione Atto Dirigenziale n.3433. N° iscrizione 1073. 

 C.F.: 94218760489  PEC: afmemoria@pec.it

afmemoria
triangoli.jpeg

Cookie Policy              Privacy Policy

Didattica

Organizzazione interna dei campi

I contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Come venivano identificati i prigionieri nei campi -->

Scopriamo l'organizzazione interna dei campi e la gerarchia, su cui era basata tutta la metodologia nazista.

Asuchwitz era il più grande campo dei nazisti. Certi campi raggiungevano la capacità di intere cittadine; queste dovevano necessariamente prevedere una gerarchia, persino tra gli stessi prigionieri, oltre che tra i campi stessi.

I prigionieri appartenevano a delle squadre di lavoro, denominate Arbeitskommando, guidate dai Kapo.

Questi erano soprannominati Bindertrager, "colore che portano la fascia", visto che venivano identificati con la fascia sul braccio sinistro. Il loro compito era assicurarsi che il loro blocco fosse in ordine, erano esonerati da lavoro, e col tempo acquisivano sempre più potere nei confronti dei sottoposti.

Dovevano imparare ad essere freddi e senza emozioni, usando la violenza sui propri compagni, perfino uccidendoli, al fine di mantenere i propri privilegi e salvarsi la vita.

I loro privilegi tra gli altri, erano: godersi il vitto, l'alloggio e il vestiario. Le SS per tenerli docili, li minacciavano di perdere la fascia e con essa tutti i loro privilegi. 

Non tutti i prigionieri erano in grado di assumere questo ruolo di comando.

Come venivano scelti ed identificati i kapo? Vennero identificati tra i triangoli verdi, ovvero i delinquenti comuni, preferibilmente quelli sufficientemente brutali per assumere il comando senza difficoltà.

Inoltre tra i prigionieri vi erano anche i sonderkommando, ovvero quelli che Primo Levi definì corvi neri del crematorio

Questi erano unità di ebrei che collaboravano con le SS, in cambio di un trattamento di favore. Il loro compito era quello di condurre gli internati nei forni e recuperarne vestiti e denti d'oro.

Altri prigionieri venivano scelti in base alla loro capacità e professioni, così alcuni erano barbieri altri invece tatuatori, come fu Lale Sokulov​, tatuatore di Auschwitz.​​

Gli altri prigionieri venivano contraddistinti con un triangolo in base al motivo per cui erano internati, coem si può vedere dall'infografica all'inizio della pagina.

Fonti:

https://www.assemblea.emr.it/cittadinanza/per-approfondire/formazione-pdc/viaggio-visivo/i-campi-di-auschwitz/auschwitz-i-birkenau-e-monowitz/il-sistema-dei-kapos/approfondimenti/le-gerarchie-interne-ai-prigionieri-come-strumento-di-potere

http://www.storia900bivc.it/pagine/roncarolo/Violenze%20e%20crudelta%20nella%20vita%20dei%20lager.html

http://www.museodiffusotorino.it/files/immagini_pagine/432_ORGANIZZAZIONE%20DEI%20LAGER.pdf

https://www.unive.it/pag/fileadmin/user_upload/dipartimenti/DSLCC/documenti/DEP/numeri/n30/15_Int_Pawelczynsk.pdf

https://www.focus.it/cultura/storia/shoah-olocausto-ebrei-giornata-della-memoria-campo-di-auschwitz