colorimetria
logo
unnamed
associazione futura memoria

facebook
instagram
whatsapp
associazione futura memoria
associazione futura memoria
loghi (2)
loghi (1)

ASSOCIAZIONE FUTURA MEMORIA

PIAZZA F. MATTEUCCI 11 - 50013 

CAMPI B.ZIO (FI)

CODICE FISCALE 94218760489

info@afmemoria.it

viaggi@afmemoria.it

055 0106732

image00027.jpeg

© Copyright 2023 - Associazione Futura Memoria - Tutti i diritti riservati

Iscrizione Atto Dirigenziale n.3433. N° iscrizione 1073. 

 C.F.: 94218760489  PEC: afmemoria@pec.it

afmemoria

Cookie Policy              Privacy Policy

untitled design

I contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Stanza delle Domande

Individuazione degli ebrei

Norimberga fu il luogo dove si discusse l'attuazione della più importante misura antisemita, infatti qui il 15 Settembre 1935 ne furono poste le basi:

- venne scritta la legge per la protezione della purezza del sangue e dell'Onore tedesco, che proibiva le         relazioni sessuali e i matrimoni tra Ebrei e Tedeschi

- venne scritta la legge sulla cittadinanza del Reich, nella quale gli Ebrei vennero definiti sudditi.

4 Novembre 1935, i Nazisti definiscono un  "ebreo":

  • chiunque, con due nonni Ebrei, appartenesse alla Comunità Ebraica al 15 settembre 1935, o vi fosse entrato successivamente;
  • chiunque fosse sposato con un "Ebreo" dal 15 settembre 1935;
  • chiunque discenda da un matrimonio o relazione extraconiugale con un Ebreo, dal 15 settembre 1935;

 

Gli Ebrei non erano gli unici a contaminare la razza ariana per i nazisti; tra questi vi erano anche i Sinti e Rom, gli omosessuali, i dissidenti politici, i malati, i disabili.

Ma come venivano trovati?

Adesso andavano cercati e stanati, a tale scopo il processo di ricerca e deportazione era ben studiato e seguiva una logica di coinvolgimento e sottomissione della massa:

  • RICERCA ED ESCLUSIONE

Tutti gli appartenenti ai gruppi, venivano identificati pubblicamente, e destinati all'esclusione ed emarginazione sociale ed economica.

 

  • PROPAGANDA ANTISEMITA

La propaganda nazista stereotipava questi gruppi, mostrandoli come parassiti, fonte di ogni male nel mondo.

 

  • CONTROLLO ISTITUZIONI CULTURALI

Il controllo assoluto delle istituzioni diede la possibilità di divulgare la propaganda antisemita, dando al tutto una connotazione culturale errata. A tal scopo fu organizzata una mostra nel 1937 a Monaco (L'Ebreo Errante) dove questi venivano rappresentati come ratti e portati di malattie, da sopprimere per il bene della società Tedesca. 

 

  • PROPAGANDA DEL GENOCIDIO

La maggior parte dei Tedeschi accettò questa discriminazione e tutte le misure adottate crearono contro gli Ebrei un'atmosfera di diffidenza, di violenza esplicita. Questo preparò la popolazione a misure più dure, come la deportazione prima, il genocidio poi.

Grazie all'aperta collaborazione da parte di molti governi alleati o territori conquistati, e all'appoggio di aziende americane come l'IBM, i nazisti riuscirono ad arrivare alla compilazione di interminabili liste della morte, con nomi e indirizzi di persone da deportare.

Fonti:

https://it.quora.com/Come-facevano-i-nazisti-a-riconoscere-chi-fosse-ebreo-o-che-comunque-avesse-origini-ebraiche

https://encyclopedia.ushmm.org/content/it/article/defining-the-enemy

http://www.treccani.it/enciclopedia/karl-adolf-eichmann/

http://archivio.casadellaresistenza.it/archivi/sites/default/files/archivio_documenti/Sonnino_La%20conta%20degli%20ebrei.pdf